Bluetooth kit: migliori prodotti di Settembre 2021, prezzi, recensioni

Il kit bluetooth per auto è diventato uno strumento indispensabile per poter utilizzare uno smartphone mentre si è alla guida senza togliere le mani dal volante e incorrere di conseguenza in un rischio di incidente. Il bluetooth è la più famosa tecnologia wireless esistente in commercio, progettata per connettere dispositivi elettronici fra loro vicini in genere posti ad una distanza massima di 10 metri. Una volta associati, cioè collegati, i dispositivi da connettere fra loro, è possibile quindi utilizzare senza problemi lo smartphone in auto per rispondere a chiamate, leggere mail e messaggi, ascoltare musica o avere un assistente virtuale alla guida. Tutto questo grazie appunto al kit bluetooth, il quale funziona in virtù di trasmissioni radio a onde corte nella banda a 2,4 GHz, che oltretutto comportano un basso consumo di energia.

Kit bluetooth per autoradio

Nei modelli di auto di nuova generazione la tecnologia bluetooth è già integrata nell’abitacolo, tuttavia è possibile utilizzare un kit con tale sistema wireless anche nelle vetture che ne sono sprovviste. Bastano pochi semplici passi: tutto quello che serve è

  • Autoradio
  • Jack 3,5 mm
  • Adattatore bluetooth

Basta inserire il cavo AUX e collegare il kit bluetooth per trasferire nell’autoradio tutte le funzioni wireless comunicando con lo smartphone. I modelli di kit per auto già integrati invece solitamente un’entrata mini-USB per l’alimentazione che permette il collegamento tramite cavo con un adattatore inserito nell’accendisigaro, oppure direttamente nell’ingresso USB se presente.

Caratteristiche tecniche

Come scegliere un kit bluetooth per auto? Invero bisogna guardare a poche caratteristiche tecniche che possono fare la differenza tra un modello e l’altro. Un elemento lo abbiamo già sviscerato nel capitolo precedente, ossia la compatibilità con il proprio modello di auto, che può essere aggirata appunto acquistando un adattatore per autoradio. Gli altri elementi tecnici da tenere presente sono:

  • Qualità del segnale
  • Autonomia
  • Tipologia di connessione

La qualità del segnale è fondamentale perché da essa dipende la capacità di mantenere connessi i dispositivi e quindi svolgere in tranquillità tutte le funzioni: se la qualità è bassa banalmente non riusciremo a capire nemmeno cosa ci dice un interlocutore dall’altra parte del telefono quando rispondiamo. Tale livello qualitativo non dipende esclusivamente dal prezzo, giacché vi sono ottimi modelli di kit bluetooth anche nella fascia più economica.

Il livello di autonomia è altrettanto decisivo per garantire le prestazioni del device anche in presenza di lunghi tragitti in auto, onde evitare interruzioni improvvise. L’ideale è un kit bluetooth auto che assicuri almeno un’autonomia di 10 ore.

Infine la connessione: non si tratta solo di compatibilità con il proprio smartphone, ma anche dell’opportunità di poter collegare più dispositivi insieme. Per chi ne avesse bisogno, esistono in commercio anche modelli in grado di poter effettuare un collegamento bluetooth multiplo.

Come installare il kit

Una volta trovato il kit bluetooth che fa al caso vostro, al modello di auto e di autoradio di cui si è forniti, si può procedere all’installazione, che avviene in pochi semplici passi. Innanzitutto per il modello con bluetooth non integrato in auto

bisogna scegliere il luogo ideale dove posizionarlo, ad esempio dietro lo specchietto retrovisore, e seguire le istruzioni di installazione in confezione. La parte successiva riguarda l’applicazione al parabrezza, che può avvenire mediante una ventosa se prevista in dotazione, oppure con del semplice nastro biadesivo. L’alternativa al kit da montare sul parabrezza è il trasmettitore, che va  collegato alla presa dell’accendisigari della vettura. Una volta effettuato sarà sufficiente premere sul bottone di accensione e collegare il dispositivo allo smartphone.

Sbrigata la parte “manuale”, non resta che attivare il bluetooth e procedere all’associazione fra i dispositivi, che deve essere fatta solo una volta, dopo di che la connessione avverrà in automatico ogni volta che utilizzeremo il kit.

La scelta del marchio

In commercio esistono prodotti molto basici che si limitano a funzioni elementari come la possibilità di riprodurre la musica tramite le casse dell’autoradio, fino a prodotti molto sofisticati con un assistente vocale che consente di eseguire numerose e complesse funzioni, compreso il navigatore satellitare. Dunque vi sono tanti prodotti diversi in grado di soddisfare esigenze diverse, ma ciò che conta è affidarsi ai migliori marchi di questo settore, che assicurano un livello qualitativo, sia su materiali e componenti utilizzati che per tutto il piano di assistenza al cliente in caos di necessità, incomparabile rispetto a prodotti magari meno costosi ma di aziende sconosciute che producono modelli di qualità inferiore.

Tra i marchi più importanti che realizzano kit bluetooth per auto segnaliamo tra gli altri:

  • Aigital
  • Aukey
  • Avantree
  • Bovon
  • SuperTooth Buddy

Il costo

Il costo di un kit bluetooth è assai abbordabile, per cui generalmente è possibile acquistare un ottimo modello di trasmettitore dei migliori marchi a un prezzo intorno ai 15-20 euro. Vi sono modelli più costosi che arrivano all’incirca al doppio in genere perché permettono di collegare più dispositivi contemporaneamente, oppure perché hanno materiali particolarmente sofisticati nel rivestimento o nelle componenti interne.

Acquistando il kit bluetooth auto presso uno store on line sarà possibile in ogni caso avere accesso a sconti e promozioni che permettono di risparmiare sull’acquisto, rendendolo ancora più conveniente. Grazie a strumenti come i comparatori inoltre sarà più semplice e rapido scovare il miglior rapporto qualità-prezzo e analizzare le caratteristiche tecniche che maggiormente interessano, la compatibilità e le dotazioni di comfort integrate nel kit.

Conclusioni

Sarebbe quasi pleonastico evidenziare l’importanza di avere oggi un kit bluetooth in auto, ma vogliamo comunque ricordare che questa è la maniera migliore di rispettare quanto prevede il Codice della Strada, che emette sanzioni molto salate per chi viene fermato alla guida di una vettura mentre è al telefono, non solo multa ma anche ritiro immediato della patente e decurtazione dei punti. Un kit vivavoce elimina del principio il problema, inoltre è un aiuto molto utile sapendo di poter consultare mappe e cartine, e avere un navigatore vocale che ci assiste per ogni interrogativo mentre si è in viaggio.

Sono editor e giornalista pubblicista, mi piace condividere la passione per la tecnologia e strumenti di uso quotidiano con altri utenti del web

Back to top
menu
elettronicaperveicoli.it