Quali caratteristiche sono necessarie per un’autoradio di qualità? Informazioni, dettagli, prodotti migliori

Quali caratteristiche sono necessarie per un’autoradio di qualità? In verità da un punto di vista numerico non sono moltissime, ma quei pochi fattori strutturali sono determinanti per stabilire il valore di questo tipo di apparecchio. In commercio abbiamo diverse fasce di prezzo per le autoradio, e non necessariamente quelle che costano poche decine di euro risultano dei prodotti scadenti, sebbene attraverso i prodotti top di gamma si ottiene il massimo in termini di accessori e dettagli che aumentano il comfort di utilizzo. In questa guida vediamo come scegliere un’autoradio di qualità, gli elementi imprescindibili che certificano il valore di questa tipologia di prodotto.

La tecnologia

Un’autoradio oggi si presenta come un dispositivo molto più sofisticato di un semplice strumento per ricevere stazioni radiofoniche, e pur tuttavia da quel punto di vista “basico” la tecnologia ha fatto passi da gigante con il passaggio al digitale. Un dispositivo di qualità non può non avere alcune fattispecie tecniche di primaria importanza, in particolare ci riferiamo a:

  • DAB+, acronimo di Digital Audio Broadcasting, un elemento che permette di ricevere in maniera corretta il segnale digitale e visualizzare le informazioni in qualsiasi modalità, a seconda del display
  • RDS, ossia il Radio Data System che consente di rimanere sintonizzati sullo stesso canale radio nonostante il variare della frequenza passando da una provincia all’altra

Grazie a questi sistemi, l’ascolto di una stazione radio in macchina è molto più pulita e costante, anche in zone povere nella ricezione del segnale.

La compatibilità

Se un tempo la musica si ascoltava sulle audiocassette, e successivamente nell’era digitale si è imposto il lettore CD, oggi le fonti attraverso cui ascoltare musica sono molteplici. Per questo motivo un’autoradio deve avere altrettanti ingressi quante sono le fonti, dunque oltre al lettore anche l’AUX-in per connettere attraverso un jack un altro dispositivo, e gli slot necessari per inserire chiavette USB o memorie SD. La compatibilità

coinvolge anche i formati dei file musicali e relativi codec: se l’Mp3 resta il sistema più diffuso e presente in qualsiasi autoradio, non mancano altri formati come WMA, WAV, AAC, FLAC, ecc. Più sono i formati leggibili dall’autoradio, maggiore è la versatilità dell’apparecchio che abbiamo a disposizione per ciò che concerne l’ascolto di musica.

Come ultima nota, se vogliamo connettere il nostro smartphone allo stereo diventa assai comodo avere una connessione Bluetooth, che permette ai due device di “dialogare” fra loro senza l’ausilio di cavi.

Il display

Nelle moderne autoradio il display ha assunto un ruolo sempre più rilevante, non solo perché in grado di visualizzare molte più informazioni rispetto al passato, ma perché permette negli impianti stereo più sofisticati di trasmettere immagini in movimento o fungere da navigatore satellitare.

Anche nell’interazione con l’utente lo schermo ha guadagnato parecchi punti in termini di comfort di utilizzo, grazie alla funzione touchpad, che permette di azionare qualsiasi comando tramite il semplice tocco di un dito.

Altri elementi importanti che riguardano il display hanno a che fare con la sua luminosità e la capacità di restare user friendly anche in condizione di scarsa visibilità, attraverso la retroilluminazione di tasti ad esempio, oppure con un angolo visuale già ben conformato in fase di design.

Le dimensioni

Aspetto tutt’altro che trascurabile sono le dimensioni dell’autoradio, che vengono misurate secondo un preciso standard, distinguendo due categorie di prodotto:

  • 1 DIN con misure pari a 180 mm x 50 mm, di installazione universale su qualsiasi auto
  • 2 DIN con misure pari a 180 mm x 100 mm, installabile solo in vani cruscotto in grado di accogliere un’altezza doppia

In genere le autoradio 1 DIN sono modelli più semplici ed essenziali, mentre i prodotti più sofisticati, in grado di intrattenere anche gli altri passeggeri del veicolo trasformandosi il lettori DVD/Blu-Ray, oppure visualizzare mappe come un navigatore satellitare, appartengono alla categoria 2 DIN.

Accessori extra

Esiste in ultimo tutta una casistica di accessori facoltativi che è possibile trovare o meno nella propria autoradio, i quali sono abbastanza diffusi e possono comunque risultare un fattore di scelta rispetto a un apparecchio piuttosto che un altro. Questi accessori in genere coinvolgono tre campi di interesse dell’autoradio

  • Qualità dell’ascolto
  • Sicurezza
  • Comfort di utilizzo

Pertanto rientrano accessori molto diversi, che vanno nel primo frangente da equalizzatori ad appositi filtri sonori per enfatizzare i bassi o le frequenze più alte, il frontalino removibile o la possibilità di inserire un codice di accesso sul fronte sicurezza, o ancora tante opzioni per rendere più agevole l’utilizzo dell’impianto, come un controller per il comando da remoto, giusto per fare un esempio.

Grazie alle informazioni qui riportate sarà senz’altro più semplice trovare un’autoradio di qualità sfruttando i comparatori on line di prodotto, che riportano sempre info dettagliate sulle caratteristiche tecniche dei prodotti recensiti, oltre che le offerte più allettanti del momento per risparmiare ed ottenere così il miglior rapporto qualità-prezzo possibile sul mercato.

Sono editor e giornalista pubblicista, mi piace condividere la passione per la tecnologia e strumenti di uso quotidiano con altri utenti del web

Back to top
menu
elettronicaperveicoli.it